top of page

Chi è chi nella salute mentale: guida pratica per comprendere il ruolo del psicologo, psicoterapeuta

Chi soffre di una malattia mentale o vuole risolvere un problema come ansia, depressione e disturbi ossessivi o compulsivi o della personalità può essere in dubbio sul professionista a cui rivolgersi: psicologo, psicoterapeuta, psicoanalista e psichiatra sono, infatti, figure molto differenti tra loro e con competenze specifiche. Vediamo di fare chiarezza.

Chi è e cosa fa lo psicologo

Lo psicologo è un professionista laureato in scienze psicologiche e dopo la laurea triennale ha frequentato il corso di laurea specialistica-magistrale della durata di due anni. Di volta in volta lo psicologo può essere specializzato in psicologia clinica, psicologia sociale e del lavoro, psicologia dello sviluppo e dell’educazione, psicologia di comunità, neuroscienze ecc.

Tuttavia, la laurea non basta a diventare psicologi e dopo l’università lo specializzato deve svolgere un anno di tirocinio della durata di 1000 ore presso enti pubblici o privati in cui ha modo di fare esperienza e mettere in pratica quanto studiato. Al termine del tirocinio lo psicologo può accedere all’Esame di Stato che prevede 3 prove scritte e 1 orale e se lo supera può iscriversi ad un albo regionale e cominciare a esercitare a tutti gli effetti la professione.

L’attività di psicologo è disciplinata dalla Legge n.56 del 18 Febbraio 1989 che stabilisce nell’ ART. 1 gli ambiti d’intervento che sono:

  • Prevenzione: Attività di Promozione del Benessere, prevenzione del Disagio Psichico, sviluppo delle potenzialità e risorse sia individuali che di Comunità.

  • Abilitazione – Riabilitazione: interventi mirati a sviluppare determinate abilità (abilitazione) o recuperare certe funzioni specifiche perse successivamente ad un evento come un trauma cranico (riabilitazione).

  • Sostegno: Intervento psicologico atto a sostenere la persona in un momento particolarmente difficile, aiutandolo a trovare il suo equilibrio.

  • Diagnosi: utilizzo di strumenti conoscitivi (Interviste, questionari e Test) che hanno il fine di esplorare e comprendere il disagio della persona valutandolo complessivamente.

Chi è lo psichiatra e psicoterapeuta e cosa fa

A differenza dello psicologo, lo psichiatra è a tutti gli effetti un medico che ha ottenuto la laurea in medicina dopo 6 anni a cui fanno seguito 4 anni di specializzazione in psichiatria. A differenza dello psicologo interviene in caso di psicopatologia invalidante che necessita, oltre che della psicoterapia, anche del supporto farmacologico. A questo punto è bene precisare che solo lo psichiatra può prescrivere farmaci.

Lo psicoterapeuta di base è invece uno psicologo o uno psichiatra con specializzazione alla scuola di psicoterapia per quattro anni. In questo periodo di studio si acquisiscono competenze in ambito psicoterapico con diversi orientamenti come quello psicodinamico, cognitivo-comportamentale, sistemico-relazionale e costruttivista. Si tratta di modelli che funzionano e di volta in volta lo specialista sceglie quando applicare l’uno o l’altro.

Lo psicoterapeuta si occupa di psicoterapia, un intervento finalizzato al trattamento e cura delle psicopatologie, mediante l’utilizzo di tecniche congrue al suo modello d’intervento, con l’obiettivo di ridurre la sofferenza psicologica. In non tutte le scuole di psicoterapia è obbligatorio effettuare un percorso personale di psicoterapia sull’aspirante psicoterapeuta, ma è sempre altamente consigliato. È importante ricordare che il trattamento psicoterapeutico può essere svolto, come viene sancito dall’ ART. 3 della Legge n. 56 del 18 Febbraio 1989 solo da uno psicoterapeuta.

Chi è e cosa fa lo psicoanalista

L’ultima figura professionale in ambito della psicologia e psicoterapia è lo psicoanalista. In questo caso si tratta di uno psicologo o medico formatosi successivamente nella SPI (Società Psicoanalitica Italiana) secondo i criteri adottati dalla International Psychoanalytical Association (IPA), fondata da S. Freud alla quale la SPI appartiene dal 1936.

Il corso di formazione dura 4 anni e lo specialista deve fare un’analisi personale, con un analista riconosciuto dalla SPI, con una frequenza di 4 sedute settimanali e della durata regolabile in base alle esigenze personali, ma non comunque inferiore ai 4 anni prima di accedere al corso di studi.

L’ambito di attività del professionista è la psicoanalisi, una terapia a supporto della persona che può arrivare a durare anche 10 anni e si compone di 3 o 4 sedute settimanali per analizzare e ristrutturare tutti i contenuti della psiche a partire dall’infanzia.

In conclusione, psicologo e psichiatra, psicoterapeuta e psicoanalista sono figure professionali molto diverse tra loro e il medico che consiglia la terapia deve indicare la persona a quale professionista fare riferimento per ritrovare il benessere e migliorare la qualità della vita. In questo caso il dott. Leonardo Gottardo a Padova è psicologo e psicoterapeuta specializzato in ipnosi, sessuologia, terapia emdr e psicoterapia dinamica: contattalo per un appuntamento!




bottom of page