top of page

Capire e affrontare gli attacchi di panico – Guida completa


Gli attacchi di panico sono esperienze intense e spesso spaventose che colpiscono molte persone in tutto il mondo. In questo articolo, esploreremo insieme cosa sono gli attacchi di panico, le cause sottostanti e come affrontarli in modo efficace.

Definizione e sintomi degli attacchi di panico

Gli attacchi di panico sono episodi improvvisi di paura intensa che possono manifestarsi con sintomi fisici e psicologici.

I tipici sintomi fisici degli attacchi di panico sono:

  • palpitazioni

  • sudorazione

  • sensazione di soffocamento

I sintomi psicologici o emotivi degli attacchi di panico sono:

  • paura intensa

  • sensazione di irrealtà

  • formicolio

La durata di un attacco di panico è di solido breve, dai 5 ai 20 minuti. È fondamentale comprendere che gli attacchi di panico non sono per forza collegati a situazioni stressanti o minacciose.

Cause degli attacchi di panico

Diverse cause possono scatenare gli attacchi di panico, tra cui predisposizione genetica, stress cronico, o eventi traumatici. L’ansia e la tensione accumulata possono contribuire al manifestarsi di questi attacchi, che spesso si presentano senza un’apparente ragione.

L’ansia è un elemento chiave nella comprensione degli attacchi di panico. Spesso, le persone che ne soffrono vivono con un livello elevato di ansia quotidiana, che può scatenare episodi improvvisi e intensi di panico. È importante distinguere tra ansia comune e ansia patologica, in quanto la gestione di quest’ultima è fondamentale per prevenire gli attacchi.

Ecco alcuni punti chiave che possono aiutare a fare questa distinzione:

Ansia Comune:

  • Frequenza e durata: Si verifica in risposta a situazioni stressanti nella vita quotidiana. Può essere temporanea e legata a eventi specifici.

  • Proporzionalità della risposta: La reazione d’ansia è spesso proporzionata alla situazione. Ad esempio, preoccuparsi prima di un esame è normale, considerando la sua importanza.

  • Adattabilità: La persona riesce generalmente a gestire l’ansia attraverso strategie di coping come il supporto sociale, la risoluzione dei problemi o il rilassamento.

  • Impatto sulla vita quotidiana: Anche se può essere fastidiosa, l’ansia comune di solito non interferisce significativamente con le attività quotidiane e sociali.

Ansia Patologica:

  • Intensità e frequenza: Si presenta in modo più intenso e può verificarsi in assenza di situazioni stressanti evidenti. Gli attacchi di ansia possono essere più frequenti.

  • Disproporzione della risposta: La reazione d’ansia può essere sproporzionata alla situazione o manifestarsi senza un motivo apparente. Ad esempio, attacchi di panico improvvisi e intensi.

  • Difficoltà nel controllo: La persona può avere difficoltà a controllare o mitigare l’ansia, anche quando riconosce che la sua intensità è eccessiva.

  • Impatto significativo: L’ansia ha un impatto significativo sulla vita quotidiana, sul lavoro, sulle relazioni e sulla salute fisica. Può portare a evitamenti e limitazioni delle attività.

  • Persistenza nel tempo: L’ansia persiste per un periodo prolungato, spesso superando i sei mesi. Può essere cronica e influenzare costantemente la qualità della vita.

Se sospetti di avere un disturbo d’ansia patologica, è consigliabile consultare un professionista della salute mentale. Uno psicologo o uno psichiatra possono valutare la tua situazione, fare una diagnosi accurata e suggerire il trattamento più appropriato, che potrebbe includere una psicoterapia dinamica, per comprenderne le cause emotive profonde, abbinata a tecniche comportamentali di gestione dell’ansia o nei casi più importanti abbinata a dei farmaci. Il supporto professionale può fare la differenza nel gestire l’ansia in modo efficace.

La gestione degli attacchi di panico: strategie efficaci

Affrontare gli attacchi di panico richiede un approccio che includa cambiamenti nello stile di vita, tecniche di gestione dello stress e, in alcuni casi, il supporto di professionisti della salute mentale.

Vediamo insieme alcune strategie efficaci:

  1. Respirazione consapevole: In momenti di panico, la respirazione può diventare veloce e superficiale. Praticare la respirazione consapevole può aiutare a ristabilire il ritmo respiratorio normale, riducendo così l’intensità dell’attacco.

  2. Attività fisica regolare: L’esercizio fisico regolare è un potente alleato contro l’ansia e gli attacchi di panico. Anche una breve passeggiata quotidiana può contribuire significativamente al benessere mentale.

  3. Mindfulness e meditazione: La pratica della mindfulness e della meditazione può essere efficace nel calmare la mente e ridurre l’ansia. Dedica alcuni minuti al giorno a queste pratiche per promuovere la tranquillità mentale.

  4. Evitare sostanze scatenanti: Caffeina, alcol e altre sostanze stimolanti possono contribuire agli attacchi di panico. Riduci il consumo di queste sostanze per minimizzare il rischio di episodi improvvisi.

Quando cercare aiuto professionale

Nonostante l’efficacia di molte strategie autogestite, la consulenza professionale può essere essenziale per chi soffre di attacchi di panico ricorrenti. Uno psicoterapeuta esperto:

  • può fornire supporto personalizzato

  • identificare le radici del problema

  • sviluppare strategie mirate per affrontare l’ansia e gli attacchi di panico.

La terapia psicologica rappresenta un approccio fondamentale per chi cerca un supporto strutturato nella gestione degli attacchi di panico.

La psicoterapia si concentra sulla comprensione delle cause e sulla modifica dei modelli di pensiero negativi e dei comportamenti disfunzionali. Nei pazienti con attacchi di panico, si  identificano e modificano i pensieri catastrofici che possono scatenare gli attacchi stessi.

Lavorare sulle credenze irrazionali

Spesso, chi soffre di attacchi di panico può avere credenze irrazionali riguardo alla paura stessa. La psicoterapia lavora per sfidare queste credenze, sostituendole con pensieri più realistici e adattivi. Ad esempio, il paziente impara a riconoscere che la paura intensa durante un attacco di panico non è necessariamente legata a un pericolo imminente.

Durante la terapia, si lavora anche sulla costruzione di un piano di gestione personale. Questo piano include strategie specifiche che il paziente può utilizzare quando si avvicina un attacco di panico. L’obiettivo è dotare la persona di strumenti pratici per gestire la situazione in modo autonomo.

È importante sottolineare che la psicoterapia richiede un ruolo attivo da parte del paziente. L’impegno nel processo terapeutico, la pratica costante delle abilità acquisite e la comunicazione aperta con il terapeuta sono elementi fondamentali per ottenere risultati positivi.


La gestione degli attacchi di panico attraverso la terapia psicologica rappresenta una via efficace per molte persone. Tuttavia, è essenziale considerare ogni caso individualmente, adattando le strategie terapeutiche alle esigenze specifiche del paziente. La ricerca continua nel campo della psicologia clinica contribuirà ulteriormente allo sviluppo di approcci sempre più personalizzati e mirati.

In conclusione, la consapevolezza, la terapia psicologica e le strategie di gestione personale possono costituire un valido percorso per chi cerca di affrontare e superare gli attacchi di panico, riconquistando il controllo sulla propria vita.

bottom of page